Societe Generale Factoring Italia

Normativa

 

Riferimenti normativi

Legge 21 febbraio 1991, n. 52
Disciplina della cessione dei crediti di impresa

 

Art. 1 Ambito di applicazione

1_La cessione di crediti pecuniari verso corrispettivo è disciplinata dalla presente legge, quando concorrono le seguenti condizioni:

  • il cedente è un imprenditore;
  • i crediti ceduti sorgono da contratti stipulati dal cedente nell’esercizio dell’impresa;
  • il cessionario è una società o un ente, pubblico o privato, avente personalità giuridica, il cui oggetto sociale preveda l’esercizio dell’attività di acquisto di crediti d’impresa e il cui capitale sociale, o il fondo di dotazione, non sia inferiore  a  dieci
    volte il capitale minimo previsto per le societa’ per azioni.

2_Resta salva l’applicazione delle norme del codice civile per le cessioni di credito prive dei requisiti di cui al comma 1.

 

Art. 2 Albo delle imprese che esercitano l’attività di cessione dei crediti

Abrogato dal DLGS 385/93 che ha istituito l’Elenco Generale e Speciale dei Soggetti operanti nel Settore Finanziario (art. 106 e 107).

 

Art. 3 Cessione di crediti futuri e di crediti in massa

I crediti possono essere ceduti anche prima che siano stipulati i contratti dai quali sorgeranno.

I crediti esistenti o futuri possono essere ceduti anche in massa.

La cessione in massa dei crediti futuri può avere ad oggetto solo crediti che sorgeranno da contratti da stipulare in un periodo di tempo non superiore a ventiquattro mesi.

La cessione di crediti in massa si considera con oggetto determinato, anche con riferimento a crediti futuri, se è indicato il debitore ceduto, salvo quanto prescritto nel comma 3.

 

Art. 4 Garanzia di solvenza

Il cedente garantisce, nei limiti del corrispettivo pattuito, la solvenza del debitore, salvo che il cessionario rinunci, in tutto o in parte, alla garanzia.

 

Art. 5 Efficacia della cessione nei confronti dei terzi

Qualora il cessionario abbia pagato in tutto o in parte il corrispettivo della cessione ed il pagamento abbia data certa, la cessione è opponibile:

  • agli altri aventi causa del cedente, il cui titolo di acquisto non sia stato reso efficace verso i terzi anteriormente alla data del pagamento;
  • al creditore del cedente, che abbia pignorato il credito dopo la data del pagamento;
  • al fallimento del cedente dichiarato dopo la data del pagamento, salvo quanto disposto dall’articolo 7, comma 1.

E’ fatta salva per il cessionario la facoltà di rendere la cessione opponibile ai terzi nei modi previsti dal codice civile.

E’ fatta salva l’efficacia liberatoria secondo le norme del codice civile dei pagamenti eseguiti dal debitore a terzi.

 

Art. 6 Revocatoria fallimentare dei pagamenti del debitore ceduto

Il pagamento compiuto dal debitore ceduto al cessionario non è soggetto alla revocatoria prevista dall’articolo 67 del testo delle disposizioni sulla disciplina del fallimento, del concordato preventivo, dell’amministrazione controllata e della liquidazione coatta amministrativa, approvato con regio decreto 16 marzo 1942, n. 267. Tuttavia tale azione può essere proposta nei confronti del cedente qualora il curatore trovi che egli conosceva lo stato di insolvenza del debitore ceduto alla data del pagamento al cessionario.

E’ fatta salva la rivalsa del cedente verso il cessionario che abbia rinunciato alla garanzia prevista dall’articolo 4.

 

Art. 7 Fallimento del cedente

L’efficacia della cessione verso i terzi prevista dall’articolo 5, comma 1, non è opponibile al fallimento del cedente, se il curatore prova che il cessionario conosceva lo stato di insolvenza del cedente quando ha eseguito il pagamento e sempre che il pagamento del cessionario al cedente sia stato eseguito nell’anno anteriore alla sentenza dichiarativa di fallimento e prima della scadenza del credito ceduto.

Il curatore del fallimento del cedente può recedere dalle cessioni stipulate dal cedente, limitatamente ai crediti non ancora sorti alla data della sentenza dichiarativa.

In caso di recesso il curatore deve restituire al cessionario il corrispettivo pagato dal cessionario al cedente per le cessioni previste nel comma 2.

Trasparenza

Guida pratica all’Arbitro Bancario Finanziario

Principali diritti del cliente in sede

Principali diritti del cliente fuori sede

Foglio informativo cedente

Foglio informativo lettera di patronage

Foglio informativo fidejussione

Foglio informativo debitore

 

Tassi di interesse effettivi globali medi ai fini della Legge antiusura

Tassi in vigore

 

Privacy

Informativa e consenso privacy

 

Codice Etico

codice etico_img

 

 

 

 

Scaricare